Dr. Gaspare Reina Chirurgia Plastica, Estetica e Ricostruttiva
Dr. Gaspare Reina Chirurgia Plastica, Estetica e Ricostruttiva

QUELLA STRANA RETRAZIONE NELLA MANO

 

La malattia di Dupuytren  conosciuta anche come  morbo di Dupuytren  è una patologia benigna a carico della mano caratterizzata dall'ispessimento e della retrazione  dell'aponeurosi palmare, una robusta fascia fibrosa sottocutanea.
Fra le patologie a carico della mano è probabilmente la più frequente. Colpisce con netta prevalenza il sesso maschile passati i 50 anni di età. Si presente più spesso sul lato ulnare della mano. Le dita che vengono maggiormente colpite sono, in ordine di importanza, l'anulare (63%), mignolo (53%), medio (23%), indice (5%) e pollice 3%. Nonostante la patologia sia conosciuta da quasi due secoli, la sua eziologia non è stata ancora chiarita. Diversi fattori sono chiamati in causa dagli autori: fattori genetici, metabolici, meccanici e farmacologici
.

La sintomatologia della malattia di Dupuytren si manifesta in modo progressivo. Inizialmente si osserva la comparsa, nel palmo della mano, di piccoli ispessimenti nodulari sottocutanei. In una prima fase questi noduli, che generalmente si formano in corrispondenza del IV e V dito, sono palpabili, ma non apprezzabili a occhio nudo; non sono particolarmente dolenti, ma è possibile che alla palpazione si possa avvertire una certa dolorabilità. In una fase successiva si ha la formazione di cordoni aponevrotici che determinano una flessione delle dita di tipo permanente che si accompagna a una certa difficoltà nel movimento di flesso-estensione delle dita coinvolte; tale difficoltà degenera successivamente nell'immobilità. Le manifestazioni cliniche sopracitate sono sufficienti per stabilire la diagnosi; non c'è necessità alcuna di effettuare esami di tipo radiologico.

Quando intervenire? È consigliabile ricorrere all'intervento chirurgico quando l'incurvamento in flessione delle dita è tale da impedire uno svolgimento corretto delle attività del soggetto. Un test molto pratico, ma efficace per stabilire quale sia la soglia di intervento è il cosiddetto test della tavola. Si è positivi al test quando non si è più in grado di appoggiare in modo completo il palmo della mano e la superficie palmare delle dita sulla superficie di una tavola.
Le modalità chirurgiche – La tipologia di intervento chirurgico più utilizzata è la aponeurectomia (anche fascectomia), viene distinta in selettiva o totale. Nell'aponeurectomia selettiva si procede asportando il solo tessuto patologico, mentre nell'aponeurectomia totale si interviene asportando l'intera aponeurosi palmare.
La fasciotomia percutanea (PNA) – La fasciotomia percutanea è una modalità di trattamento che può rappresentare una valida alternativa alla chirurgia, ma solo in quei casi in cui la malattia è ancora agli esordi e la flessione delle dita non è particolarmente accentuata. La tecnica presenta il vantaggio di una minore invasività rispetto alle tecniche chirurgiche con una conseguente maggior rapidità di guarigione. 
 

DR. GASPARE REINA

Specialista in Chirurgia Plastica, Estetica e Ricostruttiva

Chirurgia della Mano

Biomateriali ed Ingegneria Tessutale

-------------------------------------------

ROMA 

VIA DORA 2 

MAZARA DEL VALLO(TP)

VIA CASTELVETRANO 85

 

PER INFO ED APPUNTAMENTO:

TELEFONO:  333 1308489

E-MAIL:  info@gasparereina.it

            

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Dr.Gaspare Reina - 00135 Roma - Partita IVA:09700431001